Airshow Zhuhai China – Boeing e Airbus: “No alle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina”

Airshow Zhuhai China –  I grandi colossi dell’industria aeronautica, Boeing e Airbus,  temono i contraccolpi dalla tensione commerciale tra i due paesi.

air show cina 2018Previsto un incontro tra Trump e Xi Jinping a fine di novembre,  si spera che in un accordo per porre fine allo stallo commerciale prodotto dalle tariffe commerciali imposte dal presidente Usa che accusano i cinesi di copiare i modelli americani.

Il 30 ottobre il Dipartimento di Giustizia degli USA ha annunciato di aver incriminato 10 cittadini cinesi, tra cui ufficiali dei servizi segreti e hacker che lavoravano sotto il loro comando, cospirando per rubare la tecnologia aeronautica.

La vicenda rischia di compremettere rapporti già tesi, scendono in campo i due colossi della produzione aeronautica Boeing e Airbus che da eterni nemici diventano alleati nell’auspicio che gli Stati Uniti e Cina possano risolvere le tensioni attraverso il dialogo evitando una guerra commerciale a tutto campo che danneggerebbe tutti i paesi e i soggetti industriali.

Gli americani e gli europei temono le reazioni cinesi alla politica del presidente Donald Trump che ha imposto una tariffa del 10% sull’alluminio importato negli Stati Uniti.

Il presidente cinese Xi Jinping e altri alti funzionari del governo hanno espresso la volontà di discutere la questione tra i due paesi. Possibile rivedere le precedenti intese commerciali se il presidente degli Stati Uniti, Donald Trumpm manterrà le tariffe su alcune importazioni dalla Cina.

Parlando durante un briefing all’Airshow Zhuhai China, il vicepresidente delle vendite Boeing, Rick Anderson, ha affermato che l’industria aeronautica mondiale spera in una trattativa tra i governi, noi, “ siamo ottimisti per una soluzione rapida “, “continuiamo a impegnarci con i leader degli Stati Uniti e della Cina per una convergenza sulle questioni per risolvere queste discrepanze commerciali“, ha sostenuto Rick Anderson, “questo è un mercato in rapida crescita, lo sviluppo della domanda è senza precedenti, e crediamo che alla fine lo capiranno tutti “.
Durante lo stesso briefing, il presidente della Boeing China, John Bruns, ha rivelato che il costruttore americano aveva recentemente qualificato cinque nuovi fornitori per entrare nella sua catena di fornitura, inclusi due produttori di alluminio.

Anche il presidente di Airbus China, George Xu, ha espresso la speranza che possa essere raggiunta una risoluzione della situazione commerciale con gli Stati Uniti.  “Nessuno sarà il vincitore in questo tipo di guerra commerciale”. Ecco “perché accogliamo con favore il dialogo tra la parte del governo degli Stati Uniti e la parte del governo cinese”. “I chiarimenti reciproci dovranno risolvere quanto prima il problema dello sviluppo sano dell’industria aeronautica cinese “, ha concluso Xu.
Ha anche avvertito che una prolungata guerra commerciale con “un impatto negativo sulla crescita dell’aviazione” potrebbe rallentare il motore di crescita dell’economia cinese penalizzando la crescente classe media e lo sviluppo del comparto nel più grande mercato mondiale del settore.