Fondi per l’Internazionalizzazione delle PMI. Modificato il bando e i termini di scadenza del bando

Slitta al 13 luglio la data per le aziende che accedere ai 15 milioni di euro del programma regionale per l’ internazionalizzazione delle micro, piccole e medie imprese.

InternazionalizzazionePossono accedere ai finanziamenti le micro, piccole e medie imprese, sia in forma singola che associata in Ats, Ati., reti d’imprese, consorzi, società consortili, inclusi i liberi professionisti che abbiano almeno una sede operativa in Campania.

Per la concessione delle agevolazioni sarà riservata una corsia preferenziale alle imprese che operano all’interno di otto macro-settori individuati dalla Regione:

Aerospazio (settore aeronautico; settore spazio; settore difesa e sicurezza).

Beni culturali, turismo, edilizia sostenibile (sistema dell’industria della cultura; turismo; costruzioni ed edilizia).

Biotecnologie, salute dell’uomo, agroalimentare (settore farmaceutico; settore dei dispositivi medici/biomedicale; settore del pure biotech; settore agroindustriale).

Energia e ambiente (settore produzione energia elettrica; settore conversione e accumulo energia; settore dispositivi per la misurazione e l’erogazione di energia elettrica.

Settore sicurezza del territorio e gestione delle risorse ambientali; settore bioplastiche e biochemicals).

Materiali avanzati e nanotecnologie; trasporti di superficie, logistica (settore automotive; settore delle costruzioni dei veicoli e dei sistemi di trasporto su rotaia; logistica portuale e aeroportuale);

tessile, abbigliamento, calzature.

Le agevolazioni saranno erogate secondo il regolamento de minimis, per un massimo di 150mila euro – pari al 70% delle spese ammesse – per Micro e PMI che lo richiedano in forma singola; e per un massimale di 500mila euro (rispettando il tetto dei 150mila euro per azienda) per programmi presentati in forma associata – pari sempre al 70% delle spese ammesse a finanziamento.

Le azioni ammissibili prevedono:
– la partecipazione a fiere e saloni internazionali
– l’incoming di operatori esteri
– l’organizzazione di incontri bilaterali, workshop e seminari sia in Italia che all’estero
– l’utilizzo temporaneo di uffici e/o sale espositive all’estero e il trasporto di campionari e materiali
– la realizzazione di azioni e materiali di comunicazione, marketing, pubblicità, di siti web e ambienti web based
– Il supporto specialistico per la ricerca di operatori/partner esteri; la consulenza legale (brevetti e registrazione marchi), fiscale, doganale; studi di fattibilità; certificazioni estere di prodotto; la realizzazione di studi di fattibilità e piani di marketing per l’internazionalizzazione; l’ideazione e realizzazione di brand per i mercati esteri.