Il Governo polacco chiede a Leonardo le penali per i ritardi nelle consegne degli M-346

La notizia è riportata da Defense News che ha pubblicato una dichiarazione di Bartosz Kownack, viceministro della Difesa di Varsavia. Il personaggio avrebbe anticipato la richiesta del governo a Leonardo della penale prevista di circa 100 milioni di zloty polacchi, pari a 23,5 milioni di euro per i ritardi nelle consegne degli otto velivoli ordinati nel febbraio 2014.

Il viceministro lo scorso marzo è stato a Roma per una visita di due giorni nella quale – stando alle notizie riportate dalla stampa polacca – avrebbe parlato con i vertici di Leonardo dei problemi degli M-346. Il gruppo italiano allora aveva minimizzato il problema del software e rassicurato il cliente polacco con alcune chiarificazioni nel merito del problema posto dai polacchi.

Evidentemente qualcosa non è andato per il verso giusto, per cui “sicuramente non mi fermerò”, ha affermato Kownacki al quotidiano locale Rzeczpospolita che a suo dire la penale ” varrebbe per la Polonia ottenere gratuitamente un Bielik (nome polacco dell’addestratore italiano).”
Ricordiamo che la Polonia ha firmato un accordo per 1,147 miliardi di zloty per acquisire otto M-346 insieme al supporto logistico, un programma di formazione per piloti e ingegneri e un sistema di addestramento a terra.
Le consegne degli otto velivoli sono state inizialmente programmate per essere completate entro novembre 2017. I primi due addestratori sono stati consegnati a Dęblin base dell’aeronautica polacca nel novembre 2016, ma lo scorso marzo il ministero polacco avrebbe sostenuto che il software fornito non era completo. Ai velivoli arrivati a Dęblin, sostengono i polacchi, mancherebbero le simulazioni di alcuni degli armamenti utilizzati dall’Aeronautica militare polacca.