Meridiana, indagati per tangenti dirigenti e sindacalisti, tra loro il presidente Enav Roberto Scaramella

Soldi di Meridiana ai sindacalisti per risolvere una vertenza con i lavoratori della compagnia aerea.

Meridiana Fly Della vicenda di cui si è occupato la Procura di Tempio Pausania e  risale alla vertenza tra la fine del 2011 e la metà del 2012 tra l’aerolinea Meridiana Fly, oggi è Air Italy, e il sindacato.

Secondo La Procura di Tempio che ha chiuso l’inchiesta per una tangente di 100 mila Euro destinata ai sindacalisti che, secondo l’accusa,  sarebbe passata attraverso una società di consulenza. L’azienda avrebbe dovuto realizzare un  sondaggio tra i passeggeri dell’allora Meridiana, un’attività mai fatta perché i soldi erano destinati ai sindacalisti che seguivano la vertenza.

Tra gli indagati, il sindacalista della Uil Marco Veneziani e gli ex amministratori delegati dell’aerolinea, Giuseppe Gentile e Roberto Scaramella, attuale presidente Enav, e due altri personaggi, Marco Veneziani e Alessandro Cattaneo.

La storia risale alla fine del 2011 e la metà del 2012 e l’accordo tra Meridiana e i sindacati portò alla riduzioni dello stipendio dell’8% per il personale di volo mentre si cercava una soluzione per i circa 1300 dipendenti in cassa integrazione.

i soldi percepiti dalla società di consulenza, secondo l’accusa gallurese, erano destinati ai sindacalisti per ottenere il via libera all’accordo fra il vettore aereo e il sindacato.