I partner

Aeropolis

PMI aeronautiche campane

Atitech, il 19 incontro a Roma azienda, sindacati e Finmeccanica. Engitech revoca i licenziamenti e accetta i contratti di solidarietà.

atitech-690x294Continuano le difficoltà per le aziende campane dell’aeronautica che soffrono del ridimensionamento delle commesse da parte della Divisione aeronautica di Leonardo Finmeccanica. Il gruppo di Mauro Moretti continua a internalizzare attività in precedenza assegnate alla subfornitura e procede con la politica di riduzione dei costi del lavoro esternalizzato e con la richiesta alle aziende di recuperare efficienza, qualità e rispetto dei tempi di consegna.
Schiarite arrivano sulla vertenza di Engitech. L’azienda di Marigliano ha personale su attività nei siti di Leonardo a Grottaglie, Foggia, Torino Caselle e Cameri e attività anche con Hitachi.
Il management preoccupato dei continui annunci di tagli alle commesse nelle scorse settimane aveva attivato la procedura di mobilità per 170 dipendenti.
La richiesta è rientrata su pressioni del sindacato, sostiene Enzo Argentato sindacalista della Fiom Cgil, l’azienda ha firmato negli uffici napoletani dell’assessorato regionale al Lavoro un accordo che prevede al posto dei licenziamenti l’applicazione di contratti di solidarietà. I posti di lavoro per ora sono salvi, anche se saranno ridotti i salari.

Non arrivano ancora schiarite da Atitech, e restano le preoccupazioni denunziate dal sindacato anche dopo il recente incontro di Roma con il Presidente del CdA Gianni Lettieri e con Domenico Braccialarghe responsabile delle Risorse Umane e Organizzazione di Leonardo.   Il progetto del Polo Internazionale delle Manutenzioni da realizzare a Capodichino, sostiene il sindacato, resta lontano dal concretizzarsi, e Atitech Manufacturing lavora ancora solo su attività di Leonardo, con quel personale, i 178 dipendenti ex Alenia Aermacchi, che l’anno scorso passò alla newco di Gianni Lettieri.  L’incontro risolutivo è previsto il 19 e non vorremmo, sostiene Argentato, trovarci di fronte invece che alle attività previste per il Polo delle Manutenzioni e alla road map della ristrutturazione degli impianti acquisti a Capodichino, a richieste di ulteriori attività di Leonardo da esternalizzare ad Atitech.

Scroll To Top