GIE ATR sarà una società francese per azioni (Société Anonime)?

La modifica della struttura societaria di GIE ATR è uno progetti di Christian Scherer e l’operazione faciliterebbe la possibilità di lanciare il programma di un nuovo velivolo turboelica regionale.

I  soci di ATR, Airbus e Leonardo, condividerebbero la scelta di ripartire con tempi certi con il progetto di trasformare GIE ATR in una (SA), società per azioni di diritto francese.

La svolta è stata resa pubblica da Christian Scherer: “Con l’approvazione dei nostri azionisti, abbiamo rilanciato uno studio interno sulla trasformazione del GIE ATR in una “société anonyme”.

Il presidente di ATR, mercoledì 13 settembre, durante un incontro con i membri della AJPAE (Associazione dei giornalisti professionisti di Aeronautica e Spazio) ha affermato che GIE è “un raggruppamento d’imprese che non realizza profitti per sé “.  “lo scopo di queste società è di facilitare o sviluppare l’attività economica dei suoi membri, di migliorare o di aumentare per conto dei soci della GIE i risultati dell’attività di cui è responsabile e gestore”. Evidentemente Scherer ritiene frustranti le finalità di ATR che  non beneficia dei “un margine lordo a doppia cifra“, per citare il presidente e che dichiara un fatturato di 2 miliardi di dollari.

Per non parlare delle prospettive del programma e della stessa azienda di Tolosa.  Christian Scherer non nasconde il suo desiderio di sviluppare un nuovo aereo, “questo velivolo che sarebbe un fratello maggiore dell’ATR 72-600, il nostro azionista Leonardo – sostiene Scherer – ha ragione quando dice che c’è una vera e consistente domanda di aeromobili di maggiore capacità”.  Ma, è noto che l’altro azionista, Airbus, non ha la stessa determinazione del socio italiano è “per noi – dice Scherer – tocca conciliare i punti di vista dei nostri azionisti “.
Il presidente nel corso dell’incontro con la stampa francese si spinge a dichiarare: “Stiamo pensando a un nuovo aereo, non ci sono decisioni prese, nemmeno un progetto in fase di realizzazione“. Gli uffici di progettazione di Leonardo stanno lavorando allo sviluppo di un nuovo velivolo ma il punto di sblocco della situazione non è a portata di mano.
Il presidente di ATR ha affermato che “ci sono tre opzioni: una è quella di fare un ATR Neo con un nuovo motore, l’altro sviluppare un nuovo aereo, e il terzo introdurre “technologies de rupture nei modelli attuali”.
In ogni caso, “Le carote non sono cotte” ha detto Christian Scherer “,tutto dipende dalla posizione degli azionisti, Leonardo ha un nuovo presidente e aspettiamo di capirne le intenzioni e per Airbus il progetto di un nuovo ATR rimane un problema secondario“.
Lo sviluppo di un nuovo velivolo richiede notevoli investimenti da parte dei due soci di ATR, per cui la trasformazione della GIE in una società per azioni potrebbe rappresentare una leva per lanciare il nuovo progetto perché “saremo in grado di attirare nuovi investitori e finanziare il nuovo programma“, ha concluso il presidente ATR.